Come prendersi cura delle articolazioni?

Come prendersi cura delle articolazioniAl giorno d’oggi, sempre più giovani sono alle prese con problemi di dolori articolari. Diciamo colloquialmente che qualcosa ci sta stuzzicando, è nelle ginocchia, nei polsi o nelle caviglie. In un mondo che corre continuamente in avanti, è impossibile funzionare senza giunti funzionanti.

Tuttavia, bisogna rendersi conto che questi problemi non devono essere causati da traumi del passato. Lavoro in piedi, predisposizione genetica, problemi di salute, sollevamento pesi incompetente o salti cronici del riscaldamento prima dell’allenamento possono avere conseguenze dolorose per le nostre articolazioni. Neanche il sovrappeso, lo stile di vita sedentario e la mancanza di attività fisica aiutano. Allora, come possiamo gestire, come possiamo aiutare le nostre articolazioni?

Artrovex – Opinioni, Effetti, Prezzo, Dove acquistare, Funziona

Per prima cosa, date loro un po’ di tregua!

E letteralmente. È ovvio che se facciamo un lavoro che mette a dura prova le nostre articolazioni, non lo cambieremo da un giorno all’altro. Ma possiamo facilmente alleviare la tensione delle nostre articolazioni. Evitiamo di trasferire il peso corporeo su una gamba/lato. Cambiamo mano mentre lavoriamo. Durante la pausa, lasciamoci andare a sgranchirci un po’, piegarci, sederci o semplicemente sederci tranquillamente. È così poco che si sente subito la differenza. Se il dolore è molto forte, vale la pena di ridurre al minimo l’attività fisica per un po’. Impacchi freddi o un consulto con un fisioterapista possono aiutare.

Kurkuma

È stato usato per secoli nella medicina dell’Estremo Oriente come una delle risorse medicinali più popolari. Ha curcuminoidi (il curcuminoide più famoso), che hanno un forte effetto antinfiammatorio, anche sulle articolazioni. Inoltre, aumenta la secrezione biliare, migliora il suo deflusso e ha un effetto antibatterico all’interno del tratto digestivo. La dose giornaliera varia tra 1,5-3 g di rizoma di curcuma. Controindicazione per l’uso è l’ostruzione delle vie biliari.

Incenso indiano (shallaki)

Un’altra materia prima presa dall’Ayurveda. Si utilizza la resina ottenuta da questa pianta, in cui possiamo trovare ad esempio α-amirina e acido boswellico. E ‘popolare per combinarlo con la curcuma e lo zenzero, che ha anche un effetto anti-infiammatorio. Ogni giorno vengono utilizzati 250-500 mg di estratto, che il più delle volte si presenta sotto forma di integratori – capsule o compresse. La dose è determinata sulla base del contenuto dell’estratto in una capsula/tavoletta dichiarata dal produttore. Non si sa nulla sulle controindicazioni, ma la profilassi è consigliata alle donne incinte e alle madri che allattano.

Uccello inviato (artiglio affascinante)

Si tratta di un’altra materia prima utilizzata nell’infiammazione di articolazioni, tendini e legamenti. La sua attività è dovuta principalmente ai glicosidi iridoidi, come l’arpagoside, l’arpagide. Grazie al suo sapore amaro, stimola la secrezione dei succhi digestivi, che permette di essere utilizzato nei disturbi dell’appetito, indigestione e malattie del fegato. L’uso quotidiano è di 4,5 g di materia prima. Si verifica più spesso sotto forma di integratori, e la dose viene determinata in base al valore dichiarato dal produttore. Attenzione! Nel caso di ulcera peptica è vietato l’uso di hacker.

Nutrizione medica

Una materia prima popolare, ma solo per uso esterno, grazie agli alcaloidi pirolisidici, che sono un vero e proprio killer per il nostro fegato. La resina resina agisce come antinfiammatorio, accelera la rigenerazione delle ossa e delle articolazioni e accorcia i tempi di trattamento di contusioni, distorsioni o ferite da corpo contundente. Viene dosato in unguenti e mazidi in concentrazioni da 5 a 20 g/100 g del preparato. Non lo usiamo per più di 4-6 settimane all’anno. Non usiamo anche sulla pelle danneggiata.

Benvenuti a dormire (Ashwagandha)

Molti anni di ricerche hanno dimostrato che l’uso di materie prime riduce il dolore e la rigidità delle articolazioni, proteggendo il collagene dalla decomposizione. Prendiamo 3-5 g di radice secca o 300-500 mg di estratti standardizzati per l’1,5% di vitanolidi. Non deve essere combinato con farmaci, ansia e antidepressivi.

Sesamo indiano

Abbiamo buone notizie per i fan del sesamo. Ebbene, la ricerca ha dimostrato che l’olio di sesamo aumenta l’efficacia del trattamento delle malattie articolari (anche degenerative). È una ricca fonte di vitamine del gruppo B (B1, B2, B3 e B6). Inoltre, contiene molti amminoacidi essenziali ed è quindi una buona fonte di proteine, ferro, zinco, rame, calcio e magnesio. Anche se i soggetti hanno assunto grandi dosi di sesamo (40 g al giorno per due mesi), può essere trattato come uno spuntino o un’aggiunta ai pasti. Non sono state rilevate controindicazioni.

Rosa selvatica

Adottato regolarmente (per un minimo di 3 mesi), porta sollievo dall’infiammazione delle articolazioni e aumenta la flessibilità dell’articolazione. Possiamo prenderlo in compresse, ma anche sotto forma di marmellata, succo di frutta o infusione (questo non ne riduce l’effetto).

Quando si sente dolore – utilizzare temporaneamente i farmaci convenzionali

In caso di dolore grave e persistente, è possibile utilizzare temporaneamente un farmaco antinfiammatorio, come il popolare ibuprofene. Per aumentare l’efficacia, possiamo usare una pomata con un ingrediente di effetto simile, ad esempio a base di diclofenac o etofenomato. Queste sostanze sono efficaci e vi sentirete certamente sollevati dopo la loro applicazione. Se il dolore aumenta, non va via o si verifica frequentemente, si prega di consultare il proprio medico.

Nutrite le vostre articolazioni – usate glucosamina, collagene e condroitina.

La glucosamina è un composto organico che è un precursore di una serie di bio-particelle. La condroitina, invece, è uno dei componenti principali della cartilagine articolare. Il collagene è una proteina che è il componente principale dei tendini. Anche se l’assorbimento di collagene è basso, ci sono ancora tentativi di modificarlo. Queste tre sostanze sono usate insieme per rigenerare le articolazioni. Tuttavia, ci sono molte ricerche e controversie sul fatto che la loro assunzione abbia effettivamente un effetto positivo o che sia identica al placebo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *